Versare l'imposta unica comunale (IUC)

Versare l'imposta unica comunale (IUC)

IUC è l'acronimo di "Imposta Unica Comunale"

La IUC, introdotta dalla Legge 27/12/2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014) e successivamente modificata dalla Legge 28/12/2015, n.208 (Legge di stabilità 2016), si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali.
Si compone di una componente di natura patrimoniale, l'imposta municipale propria (IMU) dovuta dal possessore di immobili escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola:

  • nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile
  • nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.

Su ogni immobile, in generale, si potrebbero avere contemporaneamente IMU (escluse le abitazioni principali di categoria dalla A/2 alla A/7 (e relative pertinenze) e i rurali strumentali), TASI (esclusi i terreni) e TARI.

La legge lascia comunque ai comuni la possibilità di disciplinare alcuni aspetti relativi all'applicazione di questi tributi.

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Casa Tasse
Sezioni: Tributi