Come faccio a presentare un'istanza edilizia in modalità telematica?

La normativa vigente individua due tipi di pratiche edilizie:

  • le pratiche di edilizia produttiva
  • le pratiche di edilizia residenziale.

Le pratiche di edilizia produttiva

Il Decreto del Presidente della Repubblica 07/09/2010, n. 160, art. 4, com. 6 impone che tutte le istanze di edilizia produttiva, salva diversa disposizione interna da parte dell'ente, siano presentate esclusivamente in modalità telematica poichè destinate al SUAP.

Dopo aver compilato e firmato tutta la documentazione chiesta per la presentazione dell'istanza, il semaforo diventerà verde e potrai procedere con l'invio dell'istanza.

In questo caso, la pratica arriverà direttamente al SUAP.

Le pratiche di edilizia residenziale

Entro il 12 febbraio 2013 i Comuni dovevano rendere operativo lo Sportello Unico per l'Edilizia (SUE). Il SUE costituisce l'unico punto di accesso per il privato interessato in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti il titolo abilitativo e l'intervento edilizio, che fornisce una risposta tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni, comunque coinvolte.

Dopo aver compilato e firmato tutta la documentazione chiesta per la presentazione dell'istanza, il semaforo diventerà verde e potrai procedere con l'invio dell'istanza.

In questo caso, la pratica arriverà direttamente al SUE.

Come faccio a sapere se l'istanza che sto compilando è di edilizia produttiva o edilizia residenziale?

In funzione della destinazione d'uso dell'immobile oggetto dell'intervento, indicata all'interno del modulo principale, il portale identifica automaticamente se l'istanza che stai compilando è di edilizia produttiva e di edilizia residenziale.

In particolare:

  • se la destinazione d'uso è attività agricole si tratta di una pratica di edilizia produttiva
  • se la destinazione d'uso è attività alberghiere si tratta di una pratica di edilizia produttiva
  • se la destinazione d'uso è attività commerciale si tratta di una pratica di edilizia produttiva
  • se la destinazione d'uso è attività industriali e artigianali si tratta di una pratica di edilizia produttiva
  • se la destinazione d'uso è attività terziarie si tratta di una pratica di edilizia produttiva
  • se la destinazione d'uso è residenziale si tratta di una pratica di edilizia residenziale
  • se la destinazione d'uso è servizi e attrezzature pubbliche si tratta di una pratica di edilizia residenziale
  • se la destinazione d'uso è attività religiosa si tratta di una pratica di edilizia residenziale.

Come faccio a calcolare il contributo di costruzione?

Solitamente l'ente mette a disposizione dei professionisti un foglio di calcolo tramite il quale è possibile calcolare gli importi dovuti a titolo di contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione e contributo relativo al costo di costruzione) per gli interventi edilizi che lo prevedono:

  1. verifica se l'ente ha pubblicato il foglio di calcolo
  2. compilalo seguendo le istruzioni in esso presenti
  3. allegalo all'istanza che stai presentando.

Come faccio a presentare telematicamente una variante?

Per i procedimenti di permesso di costruire e di segnalazione certificata di inizio attività puoi presentare un nuovo procedimento in variante per opere non ancora eseguite oppure presentare segnalazione certificata di inizio attività per le varianti già realizzate che non modificano gli indici urbanistici, le volumetrie, la destinazione d'uso, la categoria edilizia e la sagoma dell'edificio.

La procedura per la presentazione telematica di una variante è del tutto simile a quella di presentazione di una qualsiasi pratica edilizia, con l'unica differenza che è obbligatoria l'indicazione della pratica edilizia di riferimento.

Puoi trovare questa pagina in

Sezioni: Edilizia