Rimborso per errato versamento
( Il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui e' stato accertato il diritto alla restituzione. L'ente locale provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell'istanza. urn:nir:stato:legge:2006-12-27;296~art1 )

Iter

Una volta ricevuta la domanda, il Comune provvederà ad esaminarla e a confermare o meno il diritto al rimborso.
Il Comune provvede ad effettuare il rimborso entro 90 giorni dalla data di presentazione della domanda.

Se l'imposta è stata versata oltre che al Comune anche allo Stato, il Comune dovrà provvedere al rimborso per la quota incassata direttamente come quota Comune e lo Stato per la quota incassata come quota Stato. La domanda di rimborso relativa alla quota d’imposta erroneamente versata allo Stato, dovrà essere presentata al Comune che provvederà successivamente alla trasmissione dei dati al competente Ministero.

Durata massima del procedimento amministrativo
90 giorni
Pagamenti
La presentazione della pratica non prevede alcun pagamento

Procura
L'istanza può essere presentata da un procuratore, che deve sottoscrivere la Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà resa dal procuratore.
Moduli da compilare e documenti da allegare
Domanda di rimborso per errato versamento
Copia del documento d'identità
Documentazione attestante i versamenti tributari effettuati
Copia dell'atto notarile con il quale è stata conferita la procura
(da allegare se l'istanza è presentata da parte di procuratore legale)
Autocertificazione qualifica di unico erede o autocertificazione rinuncia della quota di rimborso da parte degli altri eredi
(da allegare se l'istanza è presentata da parte di erede)
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
Ultimo aggiornamento: 10/01/2023 23:32.39